Come Scrivere Articoli SEO Compatibili con Queste 11 Domande

SEO Ottimizzazione per i motori di ricerca

Il nuovo algoritmo utilizzato da Google, Google Panda , cerca di privilegiare i siti che offrono informazioni fresche e non copiate, come possono essere gli aggregatori di notizie e portali vari e spiega “come scrivere articoli seo compatibili”. Google Panda vuole tenere in considerazione anche il comportamento dei lettori all’interno dei siti visitati. Questa è una modalità di classificazione che ti può solo dare vantaggio, perchè tu vuoi creare solo contenuti utili ai tuoi visitatori, vero? Ma come puoi creare articoli seo compatibili?

Allora, dovresti provare a pensare come Google. Quindi, ho pensato di stilare queste 11 domande per aiutarti a scrivere articoli apprezzati dai tuoi lettori e dai motori di ricerca, che rispettino il seo.

Domanda /1: Quello che scrivi è originale?

Prima di tutto, quello che scrivi nel tuo blog o sito deve essere originale, non replicato, non copiato/incollato. Significa che non lo puoi pubblicare più volte in vari articoli del tuo blog e non può essere copiato ed incollato da un’altro sito web.

Per fare un esempio di replicato, se scrivi un articolo tipo -10 metodi per curare un cane- e poi il giorno dopo scrivi un’altro articolo tipo -come curare un cane-, molto probabilmente il contenuto si replicherà. In questo caso è meglio che ne scegli uno solo, oppure che rivedi al meglio il secondo per scriverlo totalmente diverso dal primo e renderlo unico.

Copiato ed incollato si spiega da solo, viene visto come contenuto duplicato e crea i noti problemi dei contenuti duplicati.

Per esempio, quì ci sono alcuni metodi per duplicare un contenuto:

  • Programma di affiliazione siccome gli spider leggono i collegamenti, ogni link dei tuoi affiliati potrebbe essere un contenuto duplicato, dipende da come è impostato il programma.
  • Invio articolo quando spargi il tuo contenuto tramite distributori terzi (aggregatori di notizie ec.), gli altri siti pubblicano il tuo articolo. Però non c’è modo di sapere, quale contenuto sarà scelto da Google come il più rilevante. La pagina del tuo articolo potrebbe essere visualizzata dopo quella del distributore terzo.
  • Subdominio se strutturi il tuo sito in miosito.it, casa.miosito.it e giardino.miosito.it e poi condividi dei contenuti tra tutti e tre, puoi incappare in problemi di contenuti duplicati.

Se si tratta di affiliati, la cosa migliore è chiedere a loro di non copiare il tuo contenuto ma di renderlo unico. Oppure, puoi utilizzare il rel=canonical tag.

Se il problema è il tuo sito, spendi tempo per eliminare i contenuti duplicati. Per la variazione delle pagine che hai eliminato, utilizza il 301 redirect, verso la versione attuale. Questo redirect dirà ai motori di ricerca che hai eseguito uno spostamento.

Domanda /2: Riesci a proporre soluzioni ai problemi dei lettori?

Uno dei metodi migliori, per creare valore per i tuoi lettori, guadagnare dei link preziosi e quindi scrivere articoli SEO compatibili, è quello di riconoscere i problemi o le richieste dei lettori e provvedere a risolverli con degli articoli, tutorial, in questi argomenti.

Puoi trovare le origini delle ricerche, che hanno portato i lettori, nel tuo blog. Poi da quelle puoi capire cosa cercano i lettori e fornire degli articoli in base ai risultati ottenuti (tutto tramite gli strumenti per webmaster di Google).

Domanda /3: Riesci a non commettere errori di grammatica?

Lo sai che il tuo sito può subire dei rallentamenti nelle classifiche grazie agli errori grammaticali?

Google tiene molto ai risultati che offre, cerca di proporre sempre dei siti che possano interessare i lettori. Questo significa che devi scrivere articoli senza errori grammaticali nei testi offerti. Evita di scrivere articoli facendo errori, controlla sempre i tuoi testi (qualche errore può capitare) prima di pubblicarli.

Domanda /4: L’argomento interessa il lettore o un motore di ricerca?

Scrivere articoli per il tuo blog rispettando il SEO è sempre una buona regola, ma questa regola non deve essere troppo insistente. Ti può capitare di essere tanto attento alla parte SEO, del tuo articolo, che i motori di ricerca lo apprezzano più dei tuoi lettori!

Se metti il bisogno dei motori di ricerca davanti a quello dei lettori, finisci per eliminare degli ottimi articoli. Alla fine della tua giornata, ricorda sempre che sono i lettori che rendono il tuo blog interessante, vivo, condiviso. Sono loro che si iscrivono alla tua newsletter e sono loro che acquistano i tuoi prodotti.

Allora, prima scrivi articoli per i lettori, poi per i motori di ricerca. E’ importante che tu inserisca delle parole chiave, nei titoli e negli articoli, ma inseriscile dopo aver scritto il contenuto per i tuoi lettori.

Domanda /5: L’articolo è impaginato bene?

Un’altra cosa che puoi ricordare, le pagine redatte ed impaginate bene, rendono di più di quelle redatte ed impaginate male. I lettori, non solo apprezzano se tu scrivi correttamente ma anche se tu organizzi i tuoi articoli i modo ordinato e coinciso.

Io cerco sempre di ricercare e scrivere tutto in una pagina. Poi metto un pò di ordine al contenuto, aggiungo del testo e ne cancello altro. Quando credo di avere una prima copia, più o meno a posto, mi assento per qualche ora. Poi mi rimetto all’opera e rivedo l’articolo, provo a vedere l’articolo con occhi diversi per trovare la soluzione migliore.

Domanda /6: Il tuo sito è considerato autorevole?

In generale, essere autorevoli significa che i lettori vedono in te una persona esperta in un particolare argomento. Questo è importante nella rete, ma quando questo avviene da parte dei motori di ricerca, da Google ecc., l’autorevolezza diviene rilevante e porta link e traffico di estrema qualità.

Perchè il tuo sito diventi autorevole hai bisogno di:

  • Una crescita naturale ed organica
  • Contenuti unici e di valore che soddisfino i motori di ricerca ed i lettori
  • Un buon design del sito

Per finire, la domanda che si pone Google, quando visita il tuo sito, è: Ma questo apporta valore al web?

Domanda /7: Crei informazioni che siano particolari?

Quello che penalizza la rete di internet sono i numerosi webmaster che pubblicano sempre lo stesso, vecchio, contenuto.

Prima di metterti a scrivere un articolo, è importante ricercare nella rete articoli simili alla tua idea. Uno dei metodi è digitare l’argomento nella casella di ricerca di Google e vedere cosa ne esce.

Con questo metodo, posso sapere se l’argomento scelto è unico oppure ci sono migliaia di articoli in proposito. Se ce ne sono migliaia, come posso fare a rendere unico il mio articolo? Alcune volte puoi fare finta di niente e continuare con la tua idea di base ma altre volte è meglio che tu ti sprema per emergere dalla marea di articoli in rete.

Per esempio, nel mio articolo (corso) tecniche-di-ottimizzazione-seo, scrivo tutto quello che ritengo utile alla parte SEO di un articolo e di un sito. Cerco di essere creativo e di non scrivere le solite ovvie informazioni. Un SEO reale ed efficace, non solo teoria. Forse hai difficoltà a trovare tutte queste informazioni online e tutte nello stesso sito.

Domanda /8: Vuoi che il tuo articolo sia inserito tra i preferiti?

Un buon articolo dovrebbe essere quello viene inserito nei preferiti, da molti lettori, perchè hai fornito le informazioni che cercavano e che credono saranno utili anche in futuro.

Ma come scrivere un articolo che venga inserito tra i preferiti? Quì ci sono quattro delle caratteristiche tipiche:

Domanda /9: Il tuo articolo è sommerso di pubblicità ed altro?

Un semplice test, per controllare se il tuo sito risponde a questa domanda è visitare la home page. Dove riesci a mettere a fuoco il tuo sguardo? Dove credi che guardino i tuoi lettori? Per i lettori è semplice capire cosa fare?

Se hai scritto un ottimo articolo ed è perso dentro ad una miriade di annunci pubblicitari, link ed altro, per il lettore sarà difficile capire cosa fare e poi … via. I motori di ricerca non hanno di questi problemi ma come detto sopra: sono i lettori che ti interessano. Allora, è meglio mantenere un design semplice e pulito nel tuo sito.

Domanda /10: Un giornale potrebbe stampare un tuo articolo?

Quando è esploso il fenomeno dei blog, circa una decina di anni fà, i blogger hanno iniziato a scrivere senza badare alle regole di scrittura fino ad allora in vigore. Questo ha prodotto moltissimi contenuti di grande valore, ancora oggi letti dagli utenti della rete.

Ma esiste anche l’altro lato della medaglia. Se si fà tutto da soli non esiste più nessun controllo di qualità-. Come per la domanda scritta sopra per l’impaginazione, questa domanda ti spinge a sbirciare come sono stampati i giornali più conosciuti. Puoi, quindi, leggere qualche rivista tipo Wired o altri, analizza come presentano gli articoli, come aprono, come chiudono, cosa fà le storie così interessanti. Questo processo dura un pò di tempo ma ti sarà sicuramente utile.

Domanda /11: Quanto tempo spendi per i dettagli?

Le tue risposte devono essere copiose. Come detto sopra, per scrivere articoli SEO compatibili, aggiungere dettagli è molto importante. Google Panda incoraggia la scrittura di articoli lunghi e dettagliati e scoraggia lo scrivere articoli corti e senza succo (quindi devo riscrivere molti dei miei articoli)!

Ma quanto lungo deve essere il tuo articolo? Siccome non esiste un numero preciso per tutti, è importante che sia almeno di 300 parole e che sia grammaticalmente corretto, la questione non è quanto lungo sia il tuo articolo ma quanto sia interessante.

Conclusione

Scrivere articoli con contenuti di alta qualità, per i tuoi lettori e per il rispetto delle regole algoritmiche di Google Panda, richiede tempo. Richiede molta pazienza e molto lavoro. Le soddisfazioni, comunque non mancheranno, i tuoi lettori aumenteranno ed il tuo blog sarà sempre più condiviso in rete.

Quale altra domanda credi sia da inserire in questa lista? Scrivilo nei commenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *